luna-istant


Ormai quasi tutte le macchine fotografiche e gli obbiettivi sono dotati di un sistema di messa a fuoco automatico, che ti permette di decidere se lavorare sfruttando la messa a fuoco automatica oppure impostare manualmente scatto dopo scatto il punto di messa a fuoco.
Nell’articolo di oggi spiegheremo quando è conveniente utilizzare la messa a fuoco automatica o manuale.

Sul vostro obiettivo è presente una levetta, dove potrete scegliere se utilizzare la messa a fuoco automatica o manuale. 
Quando utilizziamo la messa a fuoco manuale dovremo ruotare semplicemente una ghiera, fino a quando la messa a fuoco sarà ottimale. Mentre per quanto riguarda l’AF la macchina dispone di diversi automatismi da utilizzare in condizioni particolari. 

Nel caso in cui utilizziate la messa a fuoco automatica potrete visualizzare nella sezione centrale del display diverse diciture.
Nella foto di esempio potete vedere chiaramente la dicitura “Ai Focus”, oggi spiegheremo di cosa si tratta e a cosa serve questo particolare parametro.
display reflex


AF  (Fuoco Automatico)

Nella modalità automatica la macchina sceglierà automaticamente il punto di messa a fuoco, seguendo una serie di algoritmi precisi.
Esistono principalmente tre modalità di messa a fuoco che puoi usare:

One Shot : è la modalità che bisogna utilizzare quando si sta fotografando un soggetto statico, o comunque quando, sia il fotografo che il soggetto, dopo la fase di messa a fuoco resteranno nella stessa posizione.
Premendo il tasto di scatto a mezza corsa verrà bloccato il punto di messa a fuoco, a questo punto si può ricomporre lo scatto a proprio piacimento. Questa modalità è indicata ad esempio per i ritratti e le foto di paesaggio.

Ai Servo : è la modalità da usare quando il soggetto si sposta continuamente, quindi utilizzata solitamente per la fotografia sportiva. Questa modalità continua a cercare il punto di messa a fuoco più corretto mentre si tiene il tasto di scatto a mezza corsa.
Di solito a questa modalità viene associato anche lo scatto continuo (ovvero quando vengono scattati 3 o più scatti consecutivamente), in modo da garantire con una buona probabilità che almeno uno degli scatti sia corretto.

Ai Focus : Con questa modalità la macchina prenderà il pieno controllo della situazione, scegliendo autonomamente tra  Ai-Servo e One-Shot in base al particolare contesto. E’ consigliabile non utilizzare quasi mai questa modalità perché potrebbe sbagliare con molta facilità, anche se potrebbe risultare molto comoda.  


MF (Fuoco Manuale)

La messa a fuoco manuale è consigliata nel caso in cui si voglia prendere il pieno controllo della situazione, e soprattutto nel caso in cui ci sia abbastanza tempo a disposizione da poter sistemare con calma la messa a fuoco.
Questa modalità è consigliata sopratutto per le foto paesaggistiche, dove non sempre la messa a fuoco automatica sceglie il soggetto più interessante.
In questo caso dobbiamo essere appunto noi a scegliere il soggetto del nostro scatto, concentrando la messa a fuoco su di lui.
Se invece vogliamo che tutto il campo sia messo  a fuoco correttamente, dovremmo cercare di mantenere valori di diaframma alti (cerca di non superare mai 16-18 altrimenti potresti perdere qualità sull’immagine, per capire meglio, se non l’hai ancora fatto, ti consiglio di leggere l’articolo sul triangolo dell’esposizione), e impostare una messa a fuoco a metà campo. Ricorda che puoi sempre aiutarti con la modalità Live View.


 

Altro aspetto molto importante, anzi fondamentale della fotografia, è la composizione. Puoi capire meglio di cosa si tratta leggendo il prossimo articolo.

Composizione Fotografica

Seguici

Segui questo blog

Ricevi una mail settimanale con tutti i post.

La tua email