Long Exposure


La lunga esposizione è una tecnica che prevede di allungare volontariamente i tempi di scatto, in modo da ottenere così un particolare effetto sul paesaggio o in generale sulla scena che si sta fotografando.
L’attrezzatura necessaria consiste in una macchina fotografica qualsiasi dotata della modalità manuale; un treppiede; e un temporizzatore che può essere sostituito dall’autoscatto , la messa a fuoco deve essere determinata manualmente. La lunga esposizione può essere sfruttata in diverse circostanze : immortalare le scie delle auto, fotografare i fuochi artificiali, catturare un segnale debole, light-painting, ecc…


Preparazione

Prima di procedere con la fase di scatto è indispensabile passare del tempo a studiare le particolarità del luogo, cercando di capire quale può essere la scena ottimale da fotografare e valutando così diverse angolazioni e diversi luoghi dove posizionare il nostro treppiede.
Quando valuti la scena quello che deve essere sempre tenuto in considerazione sono le regole compositive (spiegate in un tutorial precedente).


Fase di scatto

Innanzitutto sposta la levetta della messa a fuoco da AF ad MF e ruota la ghiera fino ad ottenere una scena messa completamente a fuoco. Per questa fase puoi aiutarti anche con il display utilizzando la modalità Live View.
• Bisognerà impostare ISO bassi, di modo da poter allungare il più possibile i tempi e avere una qualità dell’immagine migliore.
• Un apertura di diaframma che permetta di poter mettere tutto a fuoco, quindi almeno maggiore di F/8. Cercate comunque di non esagerare poiché a valori troppo alti si incorre in altri problemi (vedi tutorial sul triangolo espositivo).
• Adesso non resta che impostare i tempi di scatto.
Impostiamo dei tempi che permettano di ottenere una foto esposta correttamente, facendoci aiutare anche dall’esposimetro. Se il risultato finale non ti piace sei comunque libero di cambiare i tempi come preferisci.
La maggior parte delle macchine fotografiche permette un esposizione che si può estendere fino a 30”, se questo tempo non dovesse bastarti allora puoi abbassare i valori dei diaframmi o alzare gli ISO.
In alternativa puoi acquistare un particolare strumento chiamato temporizzatore, che permette di allungare le esposizioni oltre i 30”.

Fuochi


Filtri ND ed Effetto Seta

Accoppiata ad un filtro ND la lunga esposizione permette anche di ottenere un particolare effetto molto usato in fotografia, ovvero l’effetto seta.

Un filtro ND è un particolare filtro che, posto davanti all’obiettivo, permette di scurire la scena. E’ possibile quindi allungare ulteriormente i tempi di scatto.
Nel caso decideste di utilizzare questo filtro le cose si complicano principalmente per due motivi:
• la messa a fuoco deve essere fatta prima dell’applicazione del filtro,  dunque il montaggio del filtro stesso necessita un minimo di attenzione.
• se il filtro è di bassa qualità si va in contro ad una serie di complicazioni e problemi ottici, come ad esempio la perdita di qualità, una dominante cromatica inaspettata, degli aloni attorno al bordo dello scatto, ecc… .

L’effetto seta si ottiene fotografando l’acqua in movimento con una lunga esposizione, il risultato restituirà uno scatto dove l’acqua sembra appunto seta.

Long Expo2


 

Seguici

Segui questo blog

Ricevi una mail settimanale con tutti i post.

La tua email