Fotocamere senza obiettivo: Hitachi ci sta lavorando!

0

 

sensore-fotografico
Recentemente la nota azienda Giapponese ha annunciato di voler lavorare su questo progetto (non è la prima a farlo), utilizzando l’analisi matematica piuttosto che lenti per la riproduzione di immagini.

Lo scopo sarebbe quello di poter realizzare fotocamere dalle dimensioni molto ridotte rispetto a quelle attuali, in modo da poterle utilizzare anche in spazi più stretti. Inoltre questa nuova tecnologia permetterebbe di mettere a fuoco le immagini anche dopo lo scatto, grazie ad un sensore che percepisce la profondità di campo e ne registra le informazioni.
Ecco, grossolanamente, come funziona questa nuova tecnologia :

Prima del sensore la luce attraversa un pattern formato da cerchi concentrici, il quale proietta sul sensore stesso delle ombre che poi verranno confrontate, in fase di elaborazione, con un altro pattern.
Quando la luce attraversa i pattern crea delle interferenze tipiche della fisica della luce, già conosciuta è studiata approfonditamente. La CPU della fotocamera elabora quindi tutte le informazioni acquisite, sfruttando tra l’altro anche le trasformate di Fourier, e restituisce l’immagine finale.

Il vantaggio di questo modello, rispetto a quelle precedenti, starebbe nelle dimensioni molto ridotte.
Molto probabilmente, se l’introduzione di questi sensori andrà a buon fine, avranno svariate applicazioni e  introdotti anche sui nostri smartphone.

Lascia il tuo commento

Follow this blog

Get a weekly email of all new posts.