image00001


In questa sezione tratteremo probabilmente uno dei capitoli più importanti della fotografia, ovvero la composizione fotografica.
Anche senza conoscere il triangolo dell’esposizione, una foto composta bene risulta molto più interessante di una scatto fatto correttamente ma con una composizione sbagliata.
 Ci sono delle regole assolutamente generali che possono essere seguite per aiutarsi ad impostare correttamente uno scatto. Ci tengo molto a sottolineare quest’ultima frase, perché a volte e proprio il non seguire le regole che rende uno scatto interessante. Queste regole che ora andremo a vedere sono puramente indicative, ed è necessario non apprenderle come fossero dei dogmi inamovibili.

Principalmente il problema iniziale sta nel capire se è meglio scattare una data scena in verticale o in orizzontale. La regola generale consiglia di mettere l’asse maggiore nella direzione in cui la scena si sviluppa :
• Se stiamo facendo un ritratto, in cui il soggetto viene ripreso interamente (dalla testa ai piedi), allora è consigliabile tenere la scena verticale.
• Se invece stiamo fotografando un paesaggio bisognerebbe tenere la reflex in posizione orizzontale.


Regola dei terzi

Regola Terzi
Immagina di dividere la scena in 9 parti uguali, attraverso 4 rette parallele tra loro a due a due.
Questa griglia puoi visualizzarla quasi sicuramente anche attraverso il Live View nella tua fotocamera digitale. Guardando questa griglia puoi intercettare subito i punti di intersezione tra le quattro rette (quelli evidenziati in rosso nell’immagine). Sarà proprio su questi punti e sulle rette che concentreremo la nostra attenzione durante la fase di scatto.
In che senso?

Le rette possono essere usate tutte come linee guida. Ad esempio su una delle rette orizzontali possiamo posizionare l’orizzonte nelle nostre foto paesaggistiche, scegliendo la retta di modo che la zona di maggiore attrazione occupi la maggior parte dello spazio (sia esso il suolo o il cielo). Mentre sui punti di intersezione possiamo posizionare il soggetto della nostra foto.
Vediamo subito un esempio:

gatto-composizioneIn questo scatto su una delle rette è stato posizionato il corpo del gatto, mentre nel punto di intersezione tra le due rette è stato posizionato l’occhio, che solitamente è punto di interesse da parte di un osservatore.

co-composizione
In questo secondo scatto la situazione è simile. Stavolta il soggetto è ridotto ed è lampante il fatto che venga posizionato in un punto di interesse.

La regola dei terzi tuttavia è una “semplificazione” della sezione Aurea che non tratteremo in questa lezione.


Linee guida :
le linee guida possono essere delle particolari rette o comunque delle traiettorie che conducano l’attenzione dell’osservatore verso il soggetto dello scatto. Esse solitamente partono dal bordo della foto puntando verso la zona in cui si trova l’elemento principale dello scatto. Puoi usare ad esempio come linee guida un muro, una strada, un ponte, delle scale, ecc…


Cornici :
Spesso utilizzare delle “cornici” che ritrovi nel luogo dello scatto può rivelarsi utile. Potresti utilizzare ad esempio una finestra che si affaccia sulla piazza che stai per fotografare, curando il fatto che comunque, anche la finestra deve essere inquadrata, non deve essere il soggetto della messa a fuoco. 

linee-guida


Seguici

Segui questo blog

Ricevi una mail settimanale con tutti i post.

La tua email